HomeProtagonisti GreenGamma Meccanica: sostenibilità e ricerca

Gamma Meccanica: sostenibilità e ricerca

Sostenibilità e ricerca guidano lo sviluppo della meccanica verso soluzioni sempre più green e “su misura”

Come è noto da tempo, secondo la Commissione europea, se tutti i paesi dell’Unione si adeguassero alle normative comunitarie su riutilizzo e riciclaggio, si potrebbero risparmiare molti miliardi di euro l’anno, creare nuovi posti di lavoro e sfruttare sempre meno le risorse naturali del nostro pianeta. In un’economia impostata su una corretta gestione dei rifiuti si è difatti in grado di minimizzare gli sprechi, ottimizzando i rifiuti all’interno di un unico flusso continuo in maniera che il gap fra materie prime e materie riciclate utilizzate sia sempre più ridotto.

L’azienda reggiana Gamma Meccanica S.p.A. è da sempre consapevole di questa problematica e dell’improcrastinabile necessità di preservare il pianeta per le future generazioni. Gamma Meccanica da sempre opera secondo uno spirito di forte sensibilità verso l’ambiente ed a ragion veduta ha scelto di concentrare i propri sforzi in settori come quelli dell’isolamento e del riciclo che contribuiscono in modo concreto ad aumentare la sostenibilità dei materiali. Per questo motivo l’azienda si impegna ad offrire un continuo miglioramento delle prestazioni delle proprie linee per la rigenerazione delle materie plastiche, tutte caratterizzate da un alto livello di automazione, dalla massima qualità del prodotto riciclato e da una miglior gestione dei consumi energetici.

 

Gamma Meccanica progetta e realizza linee per la produzione di materiali isolanti (prodotti in lana minerali e pannelli in XPS) e linee per la rigenerazione delle materie plastiche: l’esperienza e le competenze consolidate unite ad un alto livello di know-how, consentono all’azienda di far fronte alle crescenti esigenze dei mercati internazionali e di proporre le soluzioni per la rigenerazione delle materie plastiche su misura per ogni cliente.

Ne parliamo con Andrea Burini, vicepresidente dell’azienda, che ci racconta con entusiasmo quanto i drivers della performance della propria azienda si stiano sempre più delineando in un’ottica green.

In quale momento avete deciso che il riciclo del maggior numero di materiali possibili sarebbe stata uno dei vostri valori aggiunti? Come avete deciso di andare oltre il riciclo e puntare all’upcycling?

Grazie al feedback con i clienti da una parte (per cercare di aiutarli a risolvere le proprie necessità) e dall’altra la volontà dell’azienda di migliorare sempre di più le prestazioni dei suoi impianti.

Gamma Meccanica ha sviluppato la tecnologia Tandem per soddisfare le specifiche esigenze dei rigeneratori: quando riscontravano granuli gonfi (inclusione di gas) oppure se il grado di contaminazione era troppo elevato, l’unico intervento era quello di ripassare -cioè ri-estrudere- il materiale con un notevole dispendio di energia che andava ad incidere sul prezzo finale del materiale riciclato.

Grazie alla tecnologia Tandem si rende possibile il recupero di quei materiali che altrimenti, non essendo redditizio e difficoltoso il riciclo, sarebbero destinati alla discarica.

Con la nuova Tandem Plus non solo si ottengono così granuli di elevata qualità ma è anche possibile arricchirli in modo da ottenere le caratteristiche tecniche desiderate dal cliente. Perciò in questo caso non parliamo solo di riciclo, bensì di “upcycling”.

Un ottimo esempio di circolarità.

Esatto. La tecnologia Tandem PLUS consente di rigenerare plastiche particolari che senza questa tecnologia sarebbero destinate alla discarica o alla produzione di energia. Con Tandem PLUS le immettiamo di nuovo nel mercato ma non solo: la tecnologia consente anche di arricchire il valore del materiale riciclato per essere utilizzato nella produzione di materiali tecnici e a fine vita possono di nuovo essere recuperati.

C’è un’applicazione in particolare che possa testimoniare il vostro approccio e l’efficacia delle vostre soluzioni dedicate al mondo dei riciclatori?

Un esempio di linea Tandem Plus è il modello GM180 consegnato a un cliente estero. L’esigenza del cliente è di riciclare scarti da post consumo di PE molto stampati o contaminati e ottenere granuli con specifiche caratteristiche tecniche da utilizzare nella produzione di tubi. Questa GM180 Tandem Plus è il risultato della ricerca sempre più avanzata dello staff tecnico di Gamma Meccanica e della collaborazione con alcuni partners altamente selezionati.

A proposito di partnership e contatti con i clienti, quali sono i vostri obiettivi nel breve-medio periodo? Quali saranno le sfide nell’approcciarsi alle MPS plastiche per la vostra azienda?

A causa della cancellazione dei maggiori appuntamenti fieristici, abbiamo perso il contatto diretto con i potenziali clienti. Il loro feedback è fondamentale per migliorare le prestazioni delle macchine e sviluppare nuove tecnologie.

Nel medio periodo speriamo che gli eventi ripartano permettendoci di presentare i nostri ultimi sviluppi anche dal vivo e di raggiungere la platea sempre più ampia.

Gamma Meccanica sviluppa tecnologie per produrre le MPS. Al momento la burocrazia ci sta supportando, promuovendo sempre più l’utilizzo di plastica riciclata nella produzione degli imballaggi ed in futuro sarà un’imposizione sempre più pressante per le aziende. Purtroppo, ci sono ancora materiali plastici sui quali occorre lavorare per ottenere una buona qualità di materiale riciclato. Ad esempio, le capsule del caffè, i tubetti di dentifricio o le vaschette di materiale accoppiato: per la tipologia di prodotto oppure a causa del contaminante dei quali sono sporchi, non sempre possono essere riciclati con le tecnologie attuali. Uno degli obiettivi che vorremmo raggiungere è quello di poter recuperare con successo anche questi scarti.

Quale è la vostra mission in merito al riciclo delle materie plastiche da qui ai prossimi anni?  Avete già in cantiere altri progetti per perseguire la trasformazione delle sfide climatiche e ambientali in ulteriori opportunità di sviluppo tecnologico?

Il nostro impegno è quello di “strappare” sempre più plastica ai termovalorizzatori e recuperare più materiali possibili grazie alle ultime soluzioni tecnologiche proposta da Gamma Meccanica.

Uno degli esempi è quello del Regno Unito in cui l’azienda Innovate Recycling Limited ha avviato un importante progetto per il recupero di moquette e scarti da post-consumo. I materiali che compongono questi prodotti, in particolare il polipropilene, una volta riciclati, possono essere utilizzati in un’ampia gamma di settori e applicazioni. Il primo impianto di recupero sarà operativo da ottobre e potrà riciclare fino a 20.000 tonnellate di rifiuti di moquette all’anno, impedendo che il prezioso materiale plastico vada incenerito o conferito in discarica.

Gamma Meccanica, lì rappresentata e partner di Renmar Plastics Machinery, è il fornitore della linea di estrusione e pellettizzazione GM180 Compac in grado di processare il materiale principale di cui sono composte le moquette trasformandolo in granuli di polipropilene riciclato di alta qualità. Con una capacità produttiva di 1700 kg /h, questa linea unisce innovazione tecnologica, bassi consumi energetici e alto livello di automazione.

Gamma Meccanica negli ultimi anni ha raccolto tutta una serie di suggerimenti, informazioni e richieste per arrivare alla creazione di una nuova generazione delle macchine con l’obiettivo di migliorare le performance e la loro applicazione sui materiali che sono più difficili da rigenerare.

Se tutti i rifiuti in plastica venissero dirottati dalle discariche agli impianti di riciclaggio e se si applicassero le tecnologie più avanzate per il loro recupero, sarebbe possibile riciclare una quantità aggiuntiva pari ad oltre 5 tonn/anno di rifiuti in plastica con una riduzione di circa 7 tonnellate di emissioni di CO2 .

Secondo recenti stime la produzione e l’incenerimento della plastica generano ogni anno a livello mondiale qualcosa come 410 milioni di tonnellate di CO2. Riciclando la plastica in tutto il mondo si otterrebbe un risparmio energetico annuo pari a 3,5 miliardi barili di petrolio.

Una grande attenzione che dovrebbe tradursi in una maggior consapevolezza da parte di tutti?

Certamente, Gamma Meccanica da sempre è consapevole dell’importanza di recuperare una risorsa così preziosa come la plastica. Per questo, oltre ad offrire un continuo miglioramento delle prestazioni delle proprie linee, insieme ad un gruppo di aziende italiane attive da molti anni sul mercato della produzione di macchinari per il riciclaggio e all’associazione dei riciclatori europei, partecipa al progetto “Are you R” volto a sensibilizzare la popolazione europea sull’importanza del riciclo della plastica. Lo scopo è quello diffondere la cultura del riciclo raccontando incessantemente tutto ciò che porta a riflettere e considerare in maniera corretta la grandissima ed innegabile utilità della plastica.

NOTIZIE CORRELATE